Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 363
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0371
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0371
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Y iì A ï E . 36 5

ye s'aggingne a quella dei Sole, e cosi la
gravità di Saturno cresce . II Cassini osservò
che dall’anno i6g4- al I'joS. l’afelio di Sa-
turno era ritroceduto di 33min. cioè di cir-
ca ainin. e mezzo l’anno, e sottratto il ino-
to delle Ilsse, di circa 1. e mezzo, come
ïûferiscono i commentatori di Newton nel
tom. 3. pag. a3. Ma ilCassiniy e tutti gli
altri astronomi vogliono che il moto nis-
dio di queli’ afelio sia diretto, e d’ alcune
seconde l’anno . Ê vero che discordano inol-
to tra loro intorno alla quantità, e che,
come osservò il de l’lsle in certe sue let-
tere , sono troppo incerte le osservazioni,
colle quali si determina il moto degli afe-
Ij ne’pianeti superiori. Non lascia però di
farmi specie questo ritrovato mio, e vorrei
con comodo sentirne il parere del nostro
Eustachio. Io credo esatto il mio calcolo
perchè il moto degli afelj negli altri pia-
neti risuita diretto e prossimamente come
lo danno le osservazioni : Per l’altra parte
non mi pare, che le azioni delle comete
poste al di fuori dell’orbita di Saturno ba-
stino per fare andare innanzi un Aselio ,
che per I’azione di Gioye deye andar tan-

to
loading ...