Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 366
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0374
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0374
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
366 1.1 E T T K II E

lino mi parlano della vittoria ottenuta a
Ratisbona , e del gran numero di reclute
che si fanno in Polonia.

In questo momento ricevo le lettere deP
la posta. Quelle di Venezia non d’altro par-
lano, che dello avere occupato i Francesi
Francfort sul Meno. Gratissima mi è stata
la sua , recandomene massimamente una
cosi gentile della signora contessa della So-
maglia, che di più non potrebbe essere,
quand'anche ella vi facesse sopra un cosi
lungo commento , conFè quello dei padri
Iacquier e La Sueur sul libro dei Neutono «
La prego dirie in mio nome tutto ciò che
può dettare la gratitudine. L’ultima lette-
ra, ch io ricevetti dal re, è de’6. dicem-
bre . Quelle parole, che in essa m’hanno
fatto più piacere sono le seguenti : il y a
eu bien de événcmens depuis la bataille de
Zorndorsf ; cependant rnalgre tant de desti-
nées diverses, la fm de la campagne esl
tournè de lafacon dont vous ï aviez prevû.

Assai curiosa è la nuova d’lnghilterra ;
e ben ella è il. térmometro della presente
situazione di quel paese. A1 dottor Eusta-
chio io farò parte della lettera sua : ma eL

la
loading ...