Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 391
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0399
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0399
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R r E « 5gl

VOrito a Bologna, e ne so a memoria de'
pezzi, e nel corso deli’inverno gli ho ri-
letti a diversi amici che tutti gli hanno tro*
vati spiritosissimi. Quanto a me non pos-
so darle altra nuova, se non che sto mol-
îo meglio neli’ udito, che nella prossima
settimana ritornerò a Pisa e che non so
che deliberazione converrà prendere rispet-
to a .Milano, dove gli afsari sono portati
sempre in lungo , e i mesi e tante volte
ancora gli anni non valgono che de’ mo-
inenti. Ella mi dia qualche nuova di Ger-
mania, mentre per me credo che al ritor-
no de’ Moscoviti ii re di Prussia sarà sem-
pre a cattivo partito , non ostante che sia
tanto abile nel riparare le proprie perdite,
e che il signor maresciallo Botta gli dia an-
cora cento quaranta cinque mila uomini in
armi. La Cometa non si è potuta ricono-
scere neppure a Firenze . Mi fa specie ,
che il giorno 9. scriva il padre Pezenas
d’averla osservata a Marsiglia nella costei-
lazione dell’Eridano, e lo stesso giorno si
sia vista a Yienna in quella dell’Orione.
IVIi raccomando della continuazione delia
preziosa sua grazia, e con tutto il rispetto
mi soscriyo. B b 4
loading ...