Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 395
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0403
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0403
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E . 5g5

pere ancora le più preziose corrisponden-
ze. Ora penso d’aver finito , e certamente
nessuna cosa sarà più bastante a tirarmi di
nuovo in una questione, in cui mi dovrò
sempre pentire d’essere entrato innocente-
mente . Possiamo dunque ripigliare i nostri
antichi discorsi della guerra e della pace ,
e delle altre vicende cli questo globo . La
nuova dell’alleanza tra Prussi e Piussi non
si vuol credere a Yienna, nè a Milano .
E certamente sino a tanto ? che il corpo
Piusso resta nella contea di Glatz, e che
ii czar non cede effettivamente le sue con-
quiste, la nuova merita confei’ma. In Mi-
lano s’è sparsa la voce del matrimonio del-
la contessa Simonetti col serenissimo di Mo-
dena. Ma le persone più informate mi scri-
vono di non creder nulla. A Liyorno han-
no lettere de’ 26. di s. Eustachio, che dàn-
no gPInglesi battuti, e scacciati dalla Mar-
tinica. Gli asfari di Milano sono perfetta-
mente stazioiaarj, e sino a tanto che non
si fa la pace nonv’è da sperare alcuna mu-
tazione neppure rispetto a’studj. Io in que-
sti giorni mi diverto con alcuni problemet-
ti. Ho accennato un problema idraulico

nelP
loading ...