Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 397
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0405
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0405
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I E .

V A R I E .

inavera . Io vi sarò dopo la metâ di inag-
gio, e vi starò alineno tutto il giugno. On-
de s’ella in tal tempo dovesse secondo il
solito portarsi a Parma , le resterebbero qua-
ranta miglia di viaggio . Nel luglio passato
vi ho letto seguentemente alla signora con-
tessa, e a un fratello della signora Agne-
si, ch’è un giovine molto applicato, tutti
i suoi dialoghi, sopra la luce , che sono ve-
ramente fatti per instruire una dama nel-
la fisica newtoniana. Tra la lettura, e i
discorsi che vi ho frammezzati, e l’esperien-
ze sopra la luce, che si sono replicate , è
passato tutto il mese. La signora contessa
ha ricevuto e ha letto con sommo piacere
il saggio sopra la vita di Orazio. Mi ha
detto in oltre ch’ella le avea scritto tem-
po fa di non ricercare da altri ciò che po-
tesse dare alla luce, mentr’ella le avrebbe
mandato tutto . Ora mancano alla signora
contessa i due tomi stampati a Yenezia,
le lettere rnilitari, e il saggio sopra il com-
mercio, che in Milano sarebbe letto volon-
îieri ancor da altri che studiano queste ma-
ìerie. Però se ne ha delle copie , gliele può
spedire a Miiano. Io da Orio sono passato

a Va-
loading ...