Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 4
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0012
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0012
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4 Lettere

egìi li miei rispetti , finchè si trattiene
costì ; ma al vedermi giunger oggi dalla ca-
sa Algarotti un sì nobile e generoso rega-
lo, non ho potuto tenermi dall’indirizzare
a Y. S. Illustrissima, che è degnissimo ca-
po di quelìa, noa so se dica i miei ringra-
ziainenti o più tosto le mie querele; per-
ciocchè quanto mi dà materia di ringraziar-
li ìa loro liberalità, altrettanto me ne por-
ge di dolermi il dubbio di non godere tut-
ta la loro confidenza, che è quella che prin-

ci-

mantennero in questo secolo l’onore dell’ italiana
letteratura . Fu l'amico ed il mentore d’Algarotti,
e gli aprì l’aringo d’onore ch’ei poi percorse con
tanto successo . Le pistole che di lui pubbli-
chiarno sono un testimonio irrefragabile dell’amo-
re ch’ ei portava al suo allievo , e della stima
altissima in che ilteneva: Àlgarotti vi è dipin-
to qual ei dappoi fè di sè mostra alla colta Eu-
ropa ; e il maestro vi comparisce pieno di eru-
dizione e di dottrina, candido, ingegnoso, di
quelia eleganza di gusto di quella pulitezza e
cli quella disinvoltura, che avrebbe egualmente
piaciuto, come scrisse Algarotti stesso , a Pa-
rigi che in Atene .
loading ...