Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 5
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0013
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0013
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 5

cipalmente mi sta a cuore . Ho protestato
altre voìte e di nuovo protesto che tanto
è ilpiacere, che io provo nel servirli pre-
stando al signor Francesco la mia debole
assistenza, che cercherei io questo onore
a qualunque costo ; non che meriti io, o
pretenda d’esserne gratiiicato dalla loro ca-
sa, e massimamente in maniere così ecce-
denti, degne bensì deli'animo nobile di chi
dona , ma troppo sproporzionate alla con-
dizione di chi riceve . II signor Francesco
sarà, secondo tutte le apparenze , un gran
letterato ,* mi lascir.o dunque gociere della
soddisfazione di avere in qualche piccola
parte contribuito all'indirizzare ne’primi suoi
studj un talento sì straordinario , che è il
maggior premio che io possa mai meritare
per tutto quelìo che avessi fatto o potessi
sare in servirli, senza caricarmi di tali ob-
blighi, quali non posso sostenere se non con
una estrema confusione . La supplico di por-
tare questi miei veraci sentimenti a tutta
l’illustrissima sua casa. A1 signor Francesco
poi mi farà grazia di dire che io non gli
scrivo, perchè sono un poco in coliera con
ìui, giacchè non mi pare che mi tratti da

A 3 ami-
loading ...