Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 8
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0016
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0016
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
8 Letters

signor Francesco, che ella non clee far« MJ
li parti con me, e che non posso ricevTeF
regali da lei senza dubitare di non godere
presso di lei quella piena confidenza che
desidero. Mio fratello è restato anche egli
sopraffatto della sua straordinaria linezza 7
e periino i servidori di casa regalati anche
essi da V. S. Illustrissima nella sua parten-
za, troppo in vero generosamente, m’impon-
gono di ringraziarnela, nè più sanno dire.
Ma yia, lasciamo da parte tutto quello ch©
può aver apparenza di cerimonia, e passia-
mo ad altro . Che fa ella, mio gentilissimo
signor Francesco? E ella ancora in Yene-
zia o invilla? Sono fìnite levisite? Fla ve-
duto il sig. Piizzetti ? Mi dia un poco nuo-
ve di lei e delle sue presenti occupazionì,
o più tosto de’ suoi divertimexiti, giacchò
ora non pare che sia teìnpo da altro . Io,
per dirle qualche cosa di me, da che elì®
partì rni sono trovato sempre tutto solo i»
villa, se non quando il signor Giampie-
tro Zanotti è venuto qualche volta a tro-
varmi, e jeri sera si bevve con esso alle-
gramente alla salute del sig. Checco una
bottiglia del suo preziosissimo frontignak 3
loading ...