Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 12
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0020
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0020
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
12 Lettere

rime, ed uno di quelle del signor Giam-
pietro Zanotti, che ha avuta la bontà di
coinmettermi. Mi spiace che sono mal le-
gati e villanamente coperti, ma tali gli ho
ritrovati dai librajo , nè vi era tempo da
farli rilegare . Elia li potrebbe far vestire
con carta marmorina o aitra taie sopracco-
perta, per togiiere la desormità della lega-
tura; giacchè la gofsaggine delle rime, ri-
spetto aile mie , non ha rimedio . Ii pae-
chetto è sranco, e tale Y. S. lilustrissima
deve riceverlo . Non si metta in pensiero
aicuno dei costo de’libri. Ella ne sarà av-
visata subito che farà sapere a me la spe-
sa di queilo, che mi fa grazia di trasmet-
tere a Lione , e son ben certo che questa
partita di mio debito sbilancierà l’altra di
credito per questi pochi lihretti. Io saìde-
rò il conto quando mi farà grazia di man-
darmelo . Le osservazioni che feci e che
V. S. Illustrissima mi accenna , furono ve-
ramente intorno a ffiove coneiunto con mar-

O O

te, e non con saturno ; nè da quelle osser-
vazioni io conchiusi cosa aicuna contra le
attrazioni ; dissi solo che in quelle circo-
stanze io non troyava che rattrazione di

giove
loading ...