Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 29
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0037
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0037
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ineoite, 2Q

che ne abbia quelia maggior contentezza ,
che può bramarne, e che i suoi signori di
casa non abbiano disapprovata la sua im-
provvisa comparsa costà. Prego Y. S. Illu-
strissima a portare a ciascuno di essi i miei
ossequj, ed a scusarmi con loro di non aver
anticipato a’medesimi un avviso , che ella
ben sa non aver io avuto il tempo di scri-
vere nelle poche ore , che corsero fra la
sua deliberazione e la partenza. La prego
in nome comune a non lasciarci senza sue
lettere, stando noi tutti con sollecitudine
del suo viaggio in una stagione così fervi-
da, e in una inssuenza d'aria così insalu-
bre, fìnchè non la sentiamo arrivata costà
con prospera salute. Mi scordai di dirle
che ho saputo che nel giornale di Trevoux
del mese di maggio del corrente anno si
leggono riferite le nuove sperienze e sco-
perte, che ella tanto desiderava del signor
Bradley intorno alla luce , alla distanza del-
le iìsse e al moto della terra . Se ella ha
curiosità di vederle, potrà cercarle in quel
tomo, che si troverà, come spero, nelle
mani o del signor Michelotti, o del signor
abate Conti. Per me spero di vederle in

on-
loading ...