Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 31
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0039
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0039
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 3l

ze stesse in volgare ,, in capitoletti corti, non.
potenclo seryire ]a dissertazione distesa che
ella ne fece all’Accademia. Godrò di ave-
re questa piccola occasione di contribuire
a far giungere il suo noine a quella cele-
bre adunanza, e a farlo passare per mezzo
di essa alla pubblica notizia de’letterati.
Addio, mio gentilissimo signor Francesco :
ci voglia bene, e comandi a me senza ri-
sparmio, che sono tutto suo, e non ci fac-
cia languire come l’altra volta coll’aspetta-
zione prima delle sue nuove, e poi della
sua persona. Io sono con tutta la più per-
fetta stima e cordialità.
loading ...