Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 36
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0044
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0044
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
36 L É T t E R É

signor Eustachio, è tuttavia in Bologna? @
credo che le rnandi all’incontro i suoi per
raezzo di Marco . Non più ; che l’ora è tar-
da. Stia sana ed allegra, \e ci torni presto
a vedere.

X.

Bologna 27. settembre 1729*

NE1Lo spacoio passato noo vi scvissi co-
sì a lungo come avrei voluto, gentilissimo
signor Francesco mio, perciocchè me ne
mancò il tempo, il quale ini sfuggi nel met-
tere insieme quelle bagattelle, che mi ave*
vate commesso, e che vi spedii per la cor-
riera la stessa sera. Ora dunque ripiglian-
do la dolce e cortese lettera vostra di quell’
ordinario, dicovi in primo luogo che quan-
to alla relazione, che il sig. cavalier Der-
eham desidera delle vostre sperienze de’co-
lori, per mandarla alla Società regia di Lon-
dra, niente rileva che la stendiate più ìq

una
loading ...