Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 38
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0046
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0046
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
o 8 Letteré

lunque tempo ciò siegua, gli sarà somma-
mente caro ; perciocchè egli vi ama e vi
stima più che mai, e chiede ed ascolta vo-
lentieri novelle di voi, leggendo e rileg-
gendo le vostre lettere, le quali io faccio
vedere a lui, siccome agli altri amici co-
muni . Ora tornando alìe sperienze, ben
debbo pregarvi che vi piaccia, quando le
avrete stese , in qualunque forma ciò sia ,
di darle a me, acciocchè io le mandi al
cavaliere Dereham , che è quello che
le ha richieste , e ne ha scritto alla So-
cietà regia ; il che avendo fatto, strana
cosa parrebbe che andassero colà per altre
mani che per le sue ; quando pure non m’ or-
dinaste di scrivergli, in luogo di risposta
alla domanda che egli me ne ha fatto ( la
qnale anco in quest’ultimo ordinario rni ha
replicata ) , che avendo voi contratto con
altri lo stesso impegno, la Società le averà
per quella strada. lo aveva proposto ( non
con altro hne che con quello della facilità o
delìa sollecitudine ) che le scriveste in voi-
gare , in capitoletti corti, di stile piano, 0
a maniera d’ un nudo e secco racconto , raa
' con tutte ìe circostanze ; nè solamente avrei
loading ...