Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 39
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0047
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0047
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. S9

stirnato bene che riferiste queìle. che vi
erano riuscite secondo l’aspettazione e a
tenore dei principj newtoniani, ma ezian-
dio i tentativi, il successo dei quali pare-
va contrario a questi principj, notando ad
un tempo stesso le imperfezioni degli stru-
jnenti o le altre cagioni, per le quali l’esi-
to non aveva corrisposto a quel sistema.
Veggo con tutto ciò che lo stesso si può
fare in uno scritto , che abbia forma di let-
tera, e così in latino come in volgare, se
non che vi bisognerà più teinpo. Or sate
dunque come più vi piace , mio caro sig.
Francesco o Gostì o in vilia presso il sig.
conte Vezzi, o pure al vostro ritorno in
Bologna; ina sorse ò meglio corninciar co-
stì, e compiere in Bologna col consiglio del
signor Zanotti. Ma di ciò abbastanza . Io
vi ringrazio senza fìne delie novelle, che~
jni avete date, e di voi stesso e de’comu-
ni amici diVenezia, ed anco del mondo,
tratte dalle gazzette di Olanda. Solamente
non avrei voiuto vedere, nel proposito di
queste ultime, un periodo nella vostra let-
tera, il quale sebbene è assai circospetto,
tuttavia pizzica di qrrelle materie, di cui

C 4

non
loading ...