Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 42
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0050
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0050
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
43 L E T T E R E

che avvertiste, ove trattasi di argomento
dolce e tenero, a non impegnarvi , per quan-
to è possibile, in rime aspre, siccome lo è
quella in arto clie avete usata ne' quader-
ni ; perocchè Ja raccoppiata con altra con-
sonante è più acconcia alla forma di poe-
tare grave e forte, che alla umile e piana
e soave. Ma coteste ed altre bagattelle lo
studio e la sperienza vi andrà insegnando,
se pur vorrete esercitarvi nel poetare, al
che non posso che aniinarvi e confortarvi,
non lasciando tuttavia di pregarvi insieme
a non abbandonare gli altri studj ; giacchè
sì maraviglioso talento avete per tutti. Or-
sù io vi scrissi clie l’altro jeri i padroni di
vostra casa miparlarono del carnmino che
vorreste nella camera dove ora abitate ; il
che io già sapeva ; perchè un'altra volta me
ne avevano satto motto , ed io mi era
scordato di scrivervene . Mi parve perico-
loso per la vostra salute il far fuoco ove dor-
mite ; ma ora mi dicono che pensereste di
dormire nell’altra sta.nza vicina, dove abi-
ta di presente il Francese. Ora volete voi,
mio caio sig. Francesco, caricarvi deli’af-
iìtto di un’altra stanza ? lo non ho che di-

re ,
loading ...