Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 43
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0051
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0051
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ìnedite. 43

te, se lo voìete ; e farassi quello che vi
piacerà, ma guardate che ad altri e a voi
stesso non paja poi soverchio ; mentre ave-
te senza questo ii fuoco così vicino nella sa-
letta. Tuttavia comandate quel che più vi
piace. Mi scordai di scrivervi che ii dì
de’ig. si era fatta l’osseryazione di venere
coperta dalla luna in pieno giorno , e si era
vegliato buona parte delia notte. Si yide
benissimo venere andarsi nascondendo pri-
ma col corno settentrionale , e poscia col
merìdionaie , e quindi tutta sparire ; nò fra
tre osservazioni, che si fecero del suo to-
tale nascondimento da tre osservatori, vi
fu divario d’unà seconda di tempo . L’ emer-
sione non si potè osservare con egual esat-
tezza ; perciocchè la luna essendosi di mol-
to avvicinata ali’ orizzonte mal si distingue-
va. Si pranzò quel giorno col signor capi-
tano Marchesi col sig. dottore Zanotti e col
signor Eustachio, e ciascuno bevve alla sa-
lute del gentilissiino signor Checco , il qua-
le era il solo che mancasse a compiere la
nostra contentezza. Non potreste credere
quanto tutti vi amaao, e quanto spesso di
voi ragionano . lo no , che non vi voglio pun-

to
loading ...