Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 49
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0057
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0057
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E » 49

ìiltimo un distinto ringraziamento per l’ono-
re , che egli mi fa senza conoscerini se non
sulla vostra parola ; che certo tutto viene
dall’avergli voi corteseinente parlato di me .

Mi è stato carissimo l’avviso della come-
ta, e ve ne ringrazio oltremodo ; ma le co-
mete, che richieggono tubi di 20. piedi
per esser vedute, non si scoprono che per
puro accidente. Noi non ne abbiamo avu-
to alcuna contezza prima di questa, e ora
sarebbe inutile cercarla, dovendosi ciò fa-
re per tutto il cielo quanto egli è grande.
Ma che fatica avete voi presa di trascriver-
mi quell’intero editto ! Ye ne ringrazio per
l’amore, che vi ha mosso a parteciparmi
questa ed altre novelle : se pure non ci ha
ìinco avuta colpa un poco d’astio contro i
decreti di Rorna, del quale dovreste pure
una volta esser guarito nella conversazione
di Narvesa , che tanto è rassegnata a’me-
desimi .

O mio caro signor Checco ! lo sono pu-
re stracco dalle fatiche fatte a’giorni pas-
sati, rispondendo a tre o quattro scritture
in materia d’acque fra le quali una di 22.
fogli. Non ne posso più, ed ora che è in
To: XI. D Bo-
loading ...