Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 53
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0061
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0061
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . 55

eogliendo le partite, e facendone la ragio-
ne, io trovo che verso il dì 20. di questo
jnese voi vi raettete in viaggio ; e siete in
Bologna, a tardar molto, verso li 25. , ver-
so il qual tempo penso d’esservi anch’io,
e forse priina. Non mi mandate dunque
in malora un calcolo così faticoso , e fatto
eon tutte le regole dell’arimmetica e dell’al-
gebra, maveniteci, veniteci una voita, se
non siete già venuto ; e non mi rendete
colla vostra assenza più nojosa la patria di
questa benedetta Lucca, d’onde non veg-
go i’ora dispedirmi, solo per abbracciarvi
e per trattenermi con voi. Orsù addio , mio
caro signor Checco ; che il tempo mi man-
ca, ed io non cerco che sbrigarmi di qua,
e perciò non vogiio impiegarne di soverchio
nè pure nello scriyervi, che è il maggior
piacere che io provi. Addio .



*

D 5
loading ...