Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 58
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0066
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0066
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
58 L E T T E R E

la vostra partenza di qua egli venisse a far-
vi, come voi ; i primi suoi studj, e mi an-
dava consolando con tale speranza della per-
dita, che di voi abbiaxno fatta. Ora io nol
vedrò più certamente , e già poco ancora
posso sperare di riveder voi. Ghe altro dun-
que mi resta che noja e tristezza, la qua-
le duri fìnchè durerà la memoria di voi,
cioè a dire finchè io viva? Io scrivo, co-
me voi vedete, senza alcun riguardo al vo-
stro presente dolore, nel quale se io mi
dassi a credere di poter consolarvi, prima
avrei cercato di consolare me stesso ; ma
sento che nol posso , anzi parmi che nè pu-
re il voglia , giovandorai di correr la me-
desima sorte, e di essere tristo o lieto se-
condo che voi losiete; benchè tristo trop-
po facilmente si può, lieto non credo di
poter esser mai, stando da voi lontano . Or
che dirò dels afsanno , che a voi verrà gran-
dissimo daìle iagrime della sconsolata sig.
vostra madre e del degnissimo signor Bo-
nuomo e della giovane sposa , la cui alle-
grezza per ìe vicine nozze viene da un sì
funesto colpo amareggiata erivolta in pian-
to. Certo pietosissimo è il caso loro ed il

vo-
loading ...