Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 65
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0073
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0073
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . 65

pavnii di poter comprendere dalla vostra
che siate assai certo, e il seconclo nasce
da quel primo per necessità . Prenclerò piut-
tosto queste due cose corae ipotesi, o vo-
gliam dire come assiomi o postulati, che
debbono esser, come sapete, di eterna ve-
rità, e per me non sarà mai che nol sie-
no ; da che voi dedurrete facilmente come
corollario, che se io ho lasciati passare og-
gimai tre mesi senza scrivervi, è forza con-
chiudere che io non l’abbia potuto. E ac-
ciocchè voi non abbiate a far meco all’in-
contro un simile uffìcio discusa, per non
avermi scritto dal canto vostro , sappiate
che io largamente ve ne ho per iscusato ;
mercecchè nè voi sapevate con certezza qual
fosse di mano ìn mano il mio soggiorno
per questi tremesi, nè quando l’avete sa-
puto avete indugiato un momento a scri-
vermi, di che ho grado alPamor vostro,
e quanto posso il più ve ne ringrazio, e
mi vi dichiaro tenuto. Passerò dunque a
rallegrarmi con voi che dopo il funesto ca-
so della perdita del vostro amabile signor
fratello abbiate avuto ii contento delle noz-
ze deli’ eccellentissima signora sorella vo-
To: XI. E

stra
loading ...