Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 67
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0075
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0075
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 67

za cercarne aìtrove delle più apprezzabili ,
a gran. rischio di non trovarne in alcun luo-
go del mondo. Avete oìtre il degnissimo
signor conte Yezzi vostro zio , il sig. aba-
te Conti, il signor dottore Fabbri, e tanti
altri ciie vi amano e vi stimano, a’quali,
se è vero ciò che fu scritto, si è aggiun-
to il sig. principe delia Torella , che non
dubito non vediate spesse volte e non ne
siate veduto ben volentieri, come lo era-
vate in Bologna. Ma io mi era quasi di-
menticato di rallegrarmi con esso voi di
quello che più lo merita, voglio dire dell’
elezione dello stato a cui ia provrvidenza
per vie non intese e non pensate quasi ne-
cessariamente vi chiama , che dee esser quel-
lo deU’ammogliarvi. Ammogiiatevi dunque,
sig. Checco mio, ammogliatevi, fate pre-
sto. INon sentite voi che la natura con dol-
ci, ma altrettanto pungenti stimoli a ciò
vi spinge e vi sprona, e quasi a forza vi
costrigne ? Oh , direte voi, come sai tu co-
testi segreti dellanatura. Io vi veggo gio~
vane bello dilicato, amico del bel sesso :
che altro può volervi per conchiudere che
siete in caso di prender mogiie, e che an-

E % zi
loading ...