Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 72
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0080
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0080
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
73 Lettere

sco di bruciore d’orina, clie mi rende tal-
volta intollerabile Ia carrozza . Io vi ho con-
tate di me tante cose per saperne all’in-
contro qualcheduna di voi. Pretendo che
mi scriviate alcuna volta, come io farò a
voi, quanto potrà essere senza vostro scon-
cio . Emaldi molto vi si raccomanda. Io lo
vidi in compagnia d’un signor abate Teoli
che vi conosce e vi ama, e caramente vi
saluta. Egli vi conversò in Roma quando
ci veniste in collegio, e Jhn d’allora prese
giusto concetto del vostro gran talento . An-
co col sig. senator Bovi ambasciatore nostro
di Bologna ho fatta dolce menzione di voi,
di cui ha infìnita stima . II padre maestro
del sacro palazzo non l’ho per anco vedu-
to. Con altri ancora si è ragionato di voi,
ma chi può ricordarseli tutti? Yoi fate di
attendere a star sano, e a volermi bene,
e al signor conte Vezzi, al sig. abate Re-
canati, al signor abate Conti, al sig. dottore
Fabbri raccomandatemi senza fìne, ma so-
pra tutti a voi stesso, che fìn di qua strin-
go ed abbraccio con tutto l’affetto . Addio »
loading ...