Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 80
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0088
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0088
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
8o Lettere

za dozzina di talipersone, che io ci cono-
sco, basta bene per far contrapposto a die-
ci raigliaja di falsi letterati, che aramorba-
no questo paese. Ma mi inanca il tempo
e la carta. Ernaldi l’abate Teoli ìl signor
ambasciator Boyio vi rimandano mille sa-
luti. State sano ; scriyetemi a tutto vostro
agio e a ternpo perduto. Sopra tutto araa-
teini, e siate certo che io vi ho sempre
nel cuore e negli occhi. Addio.

* o ★ o * o ★ o * o * o ★ o * o * o ★ o ★ o * o

XVIII.

Roma 6. settembre iy5a.

i!Se l’ abate Emaldi vi ha scritto , come
promise di fare, nel passato spaceio , egli vi
avrà inviati miile saluti in mio nome, e
con essi un ricordo di scrivermi alcuna vol-
ta, dei quaie veggo ora che non avevate
bisogno, mentre senza aspettarlo mi avete
inviata una sì lunga e cara e diligente let-
tera, e con essa due dei più leggiadri sc-

netti
loading ...