Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 85
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0093
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0093
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ItfEtìÌTE. 85

pra le durate de’re. L’occasione che ho
di pregarvi d'un tal favore mi nasce da un
ragionamento, che pur questa mattina ho
tenuto col cardinale Davia, che mi richie-
dea del mio parere intorno al sistema cro*
nologico di quel grand’uomo, a cui egli è
molto inclinato a prestar fede, quanta può
tuttavia aversene ad alcuno in materia os-
cura , e appoggiata sopra semplici conghiet-
ture. Io gli ho detto a questa occasiono
che voi avevate notate in Livio alcune co-
se, che favoriscono tal opinione; ma non
ho saputo dirgli quali sieno, ed hogli pro-
messo di scrivervene, pregandovi a mandar-
mele ; ma di nuovo vi priego a non pren-
dervi sopra ciò nè fretta nè soverchia fati-
ca, bastandomi che mi accenniate in duo
parole le ripugnanze, che voi trovavate in
quell’istorico, nate dalla soverchia lunghez-
za de’regni. Jeri appunto neiranticamera
del Papa vidi il vostro degnissimo signor
zio, il padre maestro del sacro palazzo, cho
io era già stato a cercare, come egli me ,
senza che l’uno avesse potuto trovar l’al-
tro. Egli entrava all’udienza mentre io ne
Si^civa. Me gli diedi a conoscere in passan-

f 5 dq
loading ...