Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 86
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0094
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0094
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
B6 Letteré

do (o a riconoscere più tosto, perocchè aì-
tre yolte in Roma gli ho parlato ) ed egli
mostrò di vedermi volentieri ; mi fece mot-
to di voi, sopra cui disse di volermi par-
lare, ina più non potemmo aìlora. Io tra
pochi giornì muterò albergo, e passerò in.
casa del signor ambasciator Bovio, luogo as-
sai più vicino al palazzo > ove egli abita,
tli Monte Cavallo , e farò d’abboccarmi se-
co ad ogni maniera. II signor ambasciator
stesso vi saluta caramente e con esso i co-
muni ainici. Voì tenetemi raccomandato
a’signori Poleni Morgagni Yolpi Facciolati
e agli altri di costì -, e datemi novelle di
voi stesso, corae pure degli amici di Yi-
negia, la quale non credo però che arnia-
te sì poco da non voler andare a godere
la solita villeggiatura del signor conte Yez-
zi, e ìa compagnia di esso e del signor
dottore Fabbri; giacchè quella di Vedrana
di Russo e di Roricorio tutta in questo an-
no toccherà al nostro dottore Francesco *
Addio ? mio gentliissimo sig. Checco *
loading ...