Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 91
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0099
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0099
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ìnebité. 91

nl. Le mie rime della nuova edizione noa
ìe bo ancora vedute, nè molto rai curo di
vederle per ìe tante bagatteile che vi sono >
e specialmente per quello sciocco capitolo
e per alcunì sonetti. Ma poichè erano già
stampati aìtràvolta, io non era più padro-
ne di essi . Quello che di voi si è detto
in quei libro, sarà forse fra gli argomenti
de’sonetti, e ii signor Giampietro lo avrà
scritto , che parmi appunto irie ne mostras*
se alcuna cosa prima del ìniopartire. Egli
non può avervi tanto lodato , che assai più.
non vi iodino ie cose vostre. Parmi di aver
soddisfatto a tutte ìe particolarità della vo-
stralettera, quando avrò soggìunto che gli
ainici corauni vi saìutano mille volte per
ciascuno, e che voi salutiate altre mille in.
mio norae cotesti diYenezia; giacchè sup*
pongo che ci siate tornato, o siate per far-
lo in breve. Teneteim nella dolce e cor*
tese memoria vostra, e state sano ed alle*
gro. Addio .
loading ...