Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 92
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0100
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0100
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L É T s E R È


XX,

Roma 10. gennajo iy35t

JPiacemi oltremodo nella vostra lettera
dolctssima, che jeri mi pervenne, di vede->
re che dopo alcuni mesi d'indugio allo scri-
vermi, o piuttosto al riscriverini, voi non
adduciate di ciò alcuna scusa ; il che mi
fa intendere quel che più desidero -, cioò
che usate meco di quella maggior confìden-
za che ben dovete prendere nella nostra
amicizia, e che perciò il carteggiar meco
non vi è di soggezione alcuna, come ap-
punto il mio intendimento è che non vi
sia; e vi ringrazio che cosx facendo date a
me tanto maggior libertà di scrivervi, quan-
to conosco di portarvi colle mie meno d’in-
comodo. Benchè nè però aFfatto afsatto vi
siete voi astenuto dallo scusarvi , ma ìo ave-
te fatto per sì buon modo che non paja
che lo facciate, allegandomi alla sfuggita
alcune cagioni bastantissime ad assolvervi
d-a ogni colpa di ritardo, quando di tal as-

so-
loading ...