Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 93
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0101
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0101
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite* 9^

soluzìone vi facesse uopo , che non vi fa
certatnente, e potevate dei tutto risparmia-
re un tal uffìcio; ma ciò non ostante mi
è stato caro. Certo che ii vostro silenzio
mi era molto penoso, nè io l’ho nascosto
al nostro dottore Zanotti, e veggo che egli
ve ne hascritto; ma ciò che mi dava sol~
lecitudine era la cagione del siìenzio piu
che il silenzio stesso, venendo io avvisato
che vi foste dato in Padova ad una fìssa
inalinconia, che io temeva non fosse o ca-
gione o segno di sconcerto della vostra sa-
ìute. Ora da tal cura eziandio mi libera
la carissima vostra, che parmi scritta col
cuore allegro anzi che no, se pure non at-
tribuisco io alla lettera o a chi la scrisse
quell’allegrezza, che ella porta a me stes-
so colla certezza della vostra prossima ve-
nuta a Bologna. Se fìnora io ho sollecita-
to quanto mi era possibile lo spacciarmi di
qua per accostarmi a coteste parti nelle qua-
li voi siete , ben potete immaginarvi quan-
to più farollo ora per la speranza di abbrac-
ciarvi in Bologna, ed anco di baciarvi ; giae-
c'nè di questo ancora il vostro amore si mo-
stra desideroso, lascio pensajrvi del mio . Io»
loading ...