Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 94
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0102
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0102
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
94 Lètterb

intanto non potendo in altro modo soddi-
sfar per ora a tal brama, ho scritto al dot-
tore Zauotti che venèndo esdi a trovarvi il

O

prossimo carnevale a Venezia , vi baci a
mio nome ben mille volte , e come Cice-
rone aTirone vel si in medio foro viderit;
ii che voi saprete poi dirmi se egli avrà
fatto diligentemente ; molto importandomi
che i miei baci sieno mille ben contati, e
che non intenda di scontarne nè pur uno
con quelli che e’vi darà in suo proprio no-
me, i quali so che non avranno numero,
e che voi li confonderete co’vostri, come
que’di Catullo e di Lesbia, ne quisquam
malus invidere possit, cutn tanturn sciat es-
se basiorum. Ma prima che mi manchi la
carta, lasciate che io vi esprima il piace-
re che ho provato sentendo che siate per
dar fuori le rime del nostro dottore Fran-
cesco, che pensiate accompagnarle con un
vostro poemetto che serva di dedicatoria ;
e quello che supera ogni mia passata o fu-
tura allegrezza, che questa sia per essere
indirizzata a ine stesso. D onde mai avete
voi tratto un sì nuovo e peilegrino modo di
fare ad un tempo stesso onore a voi, ono-
loading ...