Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 99
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0107
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0107
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
IjtfEDlTEi 99

ìiuto, e che in somma riuscisse un grand’
uomo, come ha dalla natura tutto il capi-
tale per divenirlo, e come richiede l'onore
clella sua casa, cbe oltre l’ essere facolto-
sissima , è imparentata colla prima Nobil-
tà diVenezia, ed è essa medesima in ista*
to di essere ascritta ali’ ordine patrizio .
Quanto al suo compagno, il nome d’Eu-
stachio signiflca che egli è mio figlio di
battesimo, qualità che potrebbe bastar da
sè sola a dover io amarlo distintissimamen-
£e , ma che però non è ia principale che
in’induca a farlo ; mentre vengo a ciò dol-
cemente forzato dalle rare qualità sue e di
ingegno e di costume. Egli ha sortito un
eccellente ingegno, e lo ha poi coltivato
sotto la disciplina dello zio co’migliori stu-
dj, e singolarmente con quelli della filoso-
£a e delle matematiche, nelle quali se di-
cessi che qui non abbiamo chi l’uguagli,
jaon direi forse più del vero . E mio aju-
tante e collega nella professione astrono-
mica in questo Instituto , e appunto come
tale penserebbe di profittare di questo viag-
gio con far costì qualche osservazione astro-
ìaomica, al qual fìne avrà seco gli arnesi

G 2>

ne-
loading ...