Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 106
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0114
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0114
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

io6

c XXIV.

Bologna 6. marzo iy34'

A-ncorohi;' io già sapessi il yostro felice
arrivo in Roma ho goduto sommamente
di sentirne l’avviso da voi medesimo, e di
ricever con esso quelle noveìie che più bra-
mava della vostra soddisfazione neì trovar-
vi in un sì grande e bel paese, e che, s©
non m’inganno , sempre più sarà per pia-
cervi. A me certainente è accaduto, quan-
te volte vi sono tornato, di trovarlo sempre
più bello, contuttochè io non avessi nè il
tempo nè la curiosità nè la cognizione che
voi avrete, per cercare e godere in esso
tutto quello che vi ha di apprezzabile . II
nostro monsignor Leprotti mi scrisse d'aver»
vi pur allora veduto una sola volta, non
avendo potuto ancora esser da voi per le
occupazioni che gli davano i suoi malati,
ma che vi attendeva tosto a pranzo da lui,
dove sarebbero eziandio il signor abate Nic«
colini e il signor abate Bottari, che sono

ap-
loading ...