Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 107
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0115
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0115
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
107

Inebtte.
appunto quei due che sopra gli altri io bra-
mava che fossero da voi conosciuti, dan-
domi a credere che la loro conversazione
ed amicizia possa esservi, non meno di quel-
la di monsig. Leprotti, di particolar soddi-
sfazione , siccome che all’ incontro possa pia-
cer loro la vostra. Non dubito che essi non
siano per farvi tutte quelle introduzioni co-
stì che voi bramerete, e non siano anche
per compiacersene, conoscendo di farlo a
persona che ben lo merita. Quante volte
ìi vedrete , tante vi priego di ricordarmi lo-
ro amico e servidore ; cosi pure al nostro
signor Emaldi ed agli altri coinuni amici
che costì troverete, ma soprattutto al no-
stro signor ambasciator di Bologna e al de-
gnissimo padre Maestro del sacro palazzo e
al padre Maratti. Di me non posso darvi
nuove gran fatto diverse da queile che ne
aveste già in Firenze, se non che egli par
pure che i miei insuìti si vengano renden-
do meno frequenti, e di tanto io mi con-
tento, sottoscrivendomi volontieri a sofsrir-
li una voìta ogni quattro o cinque settima-
ne, purchè nelle loro intermissioni non mi
tolgano d’occuparmi ne’miei studj genialij,

e di
loading ...