Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 113
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0121
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0121
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite» h5

feri letserati, de’quali Parigi è sì doviziosa.
Neiroccasione che ebbi due mesi sono,
di rescrivere ad una lettera del sig. di Mau-
pertuis, gli parlai delìa vostra prossiina ve-
nuta a Parigi e di quella del sig. Celsio >
e lo pregai a farvi costì quelle introduzio-
ni, che aveste potuto desiderare. L’istesso
so che aveafatto il signore Zanotti scriven-
do al signor d i Mairan ; e quando i signori
Cassini e Maraldi saranno di ritorno dal lo-
ro yiaggio astronomico, che dovrebb’essere
in bseve, passerò coll’uno o colPaltro di
essi ii medesimo ufficio . Ben so che la mia
mediazione non vi è punto necessaria per
procurarvi quell’adito, che il vostro meri-
to a quest’ ora vi avrà fatto presso cotesti
grand’uomini ; ma voi non dovete sdegna»
re, che ciò facendo io serva al mio pro*»
prio interesse, con farmi onore della vo-
stra amicizia.

La vostra lettera a madama è stata pun-
tualmente recapitata . Spero che ne avre-
te presto il riscontro dalla risposta di lei
medesima, la quale questa stessa mattina
è stata atrovarmi, e a parlarmi di voi, in
letto ; perocchè questo è illuogo, dove per
To: XI. H lo
loading ...