Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 114
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0122
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0122
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
1 14 Lettere

lo più mi convien ricever le vis;te ; coine-
chè oggi appunto abbia cominciato ad al-
zarmene, non so per quanto tempo. An-
che i vostri complimenti sono stati portati
a cui andavano, e tutti mi hanno caricato
di commissioni per restituirveli , facendo
ciascuno a gara perchè i suoi siano i piu
accetti.

Se non fosse un’ impertinenza mandarvi
delle novelle astronomiche, dove è il più
celebre osservatorio del mondo , e d’onde
tutti gli altri le aspettano, vi direi che qtli
abbiamo inisurati in due plenilunj diversi,
cioè in quelJo di settembre e in quest’ul-
timo d’ottobre, il diametro della luna sul
circolo d’ascensione retta o sia sull’ orario,
e parìmente sul parallelo, e il primo si è
trovato ainendue le volte maggiore del se-
condo d un mezzo minuto incirca, appun-
to come mi fu scritto aver ritrovato cote-
sto celebre astronoino il signor Godin ; on-
de vi è molta apparenza che la luna sia
anche coll’asse maggiore a un dipresso per-
pendicolare all’orbita,' il che toglie la ma-
raviglia che da codesta Accademia reale del-
le scienze taie sia stata trovata anco la ter-

ra;
loading ...