Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 124
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0132
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0132
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
124 L E T T E R É

care il libro al gran personaggio , a cui I
versi sono indirizzati. Non so quello che
ne parrà a’signori Zanotti, de’quali il dot-
tore Francesco ini ha detto di scriverven©
questo raedesimo ordinario. Quanto a rae ,
se debbo parlarvi schietto, e certaraente lo
debbo, perchè e voi rae lo ordinate, e la
nostra amicizia lo esige, non so concepire
ìa minima speranza che la cosa possa riu*
scire . Se al mondo vi è alcun principe tut-
to serio tutto severo e tutto lontano da ciò
che è galanteria, egli è quello, sopra cui
avete posto l’occhio. Ad un tal personag-
gio corae mai può esser grata l’offerta d’un
libro, che ha per titolo, la Filosofia per
le Dame, e che comincia dal dichiarare
che l’autore lo ha composto per piacere aF
ìe donne? Aggiugnete che alla serietà sua
naturale si aggiungono ora tanti fastidiosi
pensieri e tante traversie quante ben sa tut-
to il raondo . 11 contegno con cui si vive
e si conversa in quelia corte (parlo di ciò
che apparisce in pubblico, e che è sotto
gli occhi del padrone ) è tale da toglier il
coraggio a chi che sia di tentare un passo
gimile, e molto meno iascia sperarne alcu-
loading ...