Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 126
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0134
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0134
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
126 Lettere

vi che ne ho giusta ragione, o piuttosto
che non io, ma l’affare medesimo è quel-
lo che me ne scusa . Per altro voi siete ora
in una città, ove non ponno inancarvi al-
tri mezzi nè altri consigli per prendere so-
pra ciò la vostra deliberazione . Io deside-
ro d’ingannarmi nel pronostico, che vi ho
esposto, e bramo che altri vi agevoli la stra-
da al vostro fìne. Soggiungo che quel me-
desimo gentiiuomo, per le cui inani inten-
dereste di presentar il libro, vi può forse
far egli l’apertura ; giacchè, per quanto sen-
to, è ora a quella corte ; nè so se la co-
sa fosse più riuscibile dedicando il libro non
già al sovrano, ma allasovrana, a cui tan-
to non disdice indirizzar un’opera, che ten-
de ali’istruzione d’un sesso , di cui ella è
come donna e reina ; ma ciò non ostante
sempre si vorrebbe troncare tutto quello ch©
è galanteria per rispetto agli occhi, sotto
i quali dovrebbe porsi l’opera ; il che nè
a voi piacerebbe di fare, e obbligherebb©
a rifare da capo a piedi l’opera stessa. Ma
di ciò abbastanza. Gondonate, caro amico p
se vi parlo con troppa sincerità. I versi mi
sono estremainente piaciuti, e se qualch©

ba-
loading ...