Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 130
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0138
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0138
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ì5o Lettere

dino quel luogo , come l’ho già scritto &

jnonsignor Leprotti .

Vengo ora al libro medesimo, di cui mi
richiedete il 'mio giudicio ; ma questo è
quello stesso, che già vi diedi quando me
ne mostraste il manoscritto . II gran talen-
to dell’autore si scorge e nelle cose, che
dice, e nell’ordine, con cui le dispone ,
e nel modo di dirle. Tutto è scritto in
una maniera che istruisce ed alletta, e se
fosse possibile che le donne intendessero
mai bene simili cose, questo è il solo li-
bro, da cui potrebbono impararle, nè ap-
punto voi cercavate più di questo ; ma io
son certo che egli sarà d’uso anche agli uo-
mini, de’quali essendovene molti, che sfug-
gono volentieri ogni menoma applicazione T
e che vorrebbero imparar le cose d’unama-
niera comoda e facile , avranno di che sod-
disfarsi nel leggerlo. Del restante ora che
l’holetto con tutto ilmioagio, veggo che
non vi era alcun fondamento a quelle si-
nistre prevenzioni contro diesso, delle qua-
li vi diedi avviso .

Due sQÌe cose honotate, che vi dirò con
«juelia candidezza, che mostrate di deside-

rare *
loading ...