Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 138
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0146
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0146
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l38 L E T T E R E

stri amici, de’quali mi domandate, vi ri-
mando miìle saluti; essi vi amano e vi sti-
mano corae sempre, e sono stati a parte
della mia inquietudine trovandosi da tanto
tempo senza saper nulla di voi. Tutto ciò
si dee intendere anche in modo più spe-
ciale de’vostri grandi amici, il signor Fran-
cesco e il signor Eustachio Zanotti. A1 pri-
mo ho mandato la vostra lettera in villa,
dove si trova ; perchè legga egli stesso quan-
to scrivete di luì. Al secondo la mostrerò
fra pochi giorni quando fia di ritorno anch’
egli dalla vsiìa, e Io animerò a compire il
trattato di prospettiva, che da lui aspetta-
te , e che esibite di far imprimere in In-
ghilterra. Yengo al particolare del vostro
libro, dcl quale avete gran torto di sospet-
tare che sia stato posto in dimenticanza .
Io non mi ricordo d’aver mai sentito par-
lar tanto e qui e fuor di qui d’alcun libro,
come si è fatto e si fa tuttavia di questo.
I giudizj che se ne dànno, sono quali si
potevano aspettare, e però non è maravi-
glia che se ne sentano diversi e diametral-
mente opposti gli uni aglialtri. Quelli che
giudicano senza prevenzione, e che vanno

alla
loading ...