Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 139
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0147
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0147
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. i3g

alla sostanza delle cose , non lasciano di
eompiacersi della facilità e deila grazia , con
cui avete trattato e messo in sì buon lu-
me un argomento così disficile. Ma la so-
verchia libertà d’alcune espressioni, la tene-
rezza troppo grande d’alcune altre, i tratti
di disprezzo contro alcuno, la mescolanza
delle maniere di dire oltrainontane eolle ita-
liane, ed altre simiìi bagattelle tengono luo-
go appresso di altri di gravissime cagioni
per dirne male. Yoi saprete che in Roina
è già uscito dalla Gongregazione dell’ Indi-
ce il decreto di proibizione donec corriga-
tur, clausula che vi è stata fatta aggiugne-
re da chi, non potendo opporsi al torren-
te di queìli, che Io volevano in ogni ina-
niera far condannare, ha almeno voluto mi-
tigare la censura . Debbo io avanzarmi,
caro amico, a darvi un consiglio? Sì cer-*
tamente lo debbo ; perchè son certo che
voi lo prenderete in ottima parte . Giacchà
voi vi disponevate a ristampare il libro per
conto di migliorare qualche bagattella di lin-
gua; perchè non potreste voi in tal’occasio-
ne cangiar altresì qualcheduno dei tratti, cha
vi hanno attirata la censura predetta, mo-

strando
loading ...