Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 143
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0151
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0151
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .\ l/,3

ta Rorna. In tale stato tli cose il nostro
Leprotti va pensando che non fosse per es-
ser più di stagione rimetter in campo la
ristampa del libro, ancorchè corretto, per
non risvegliare, come si suol dire , i cani
che dormono , potendo darsi caso che il
pubblicarlo di nuovo non servisse che a ri-
suscitare le ciarle di quelli, che tanto ne
hanno sparlato, e che ora tacciono . Ecco-
vi qual sia nel presente stato delle cose il
parere d’un vostro ’buon amico, e vi con-
fesso che a me ancora par ragionevole ; e
tanto più cbe essendosi anco in Bologna ,
come sentirete daile lettere de’due Zanot-
ti, quasi del tutto ammutolite le voci di,
chi lo censurava oltre il dovere , anzi es-
sendo stato letto e lodato il libro in alcu-
ne scelte conversazioni letterarie (salvo qual-
che disapprovazione in ordine alle maniere
francesi, che vi si leggono, ma che a giu-
dicio de’saggi non ponno guastare un libro ,
ove tanto è di buono ) nè pur qui vi è cau-
sa alcuna di dover mutarlo , Posso dirvi ol-
tre ciò che in altre città ancora è stato let-
to, e tuttavia si legge e si loda, e però
se vi ha ancora chi ne giudichi diversamen-

te
loading ...