Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 145
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0153
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0153
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . l45

cheduno, corae a cagion d’esempio, ciò
che avete detto del E-izzetti ( giacchè anco
su questo particolare mi richiedete che vi
avvisi di ciò che nel vostro libro è in al-
trui dispi’egio) potendo ben voi avvedervi
che a niun uomo del mondo può piacere
di fare quella hgura, che a lui fate fare
nella vostra opera. Ma di questo abbastan-
za, e tanto più che so avervene i due Za-
notti scritto assai a lungo .

Del sig. Guillerainet col quale mi met-
teste in commercio, debbo dirvi che io ne
ricevei una gentilissima lettera, ma che pa-
rendogli soverchio il prezzo dell'obbiettivo
del Gampani, di cui io l’aveva avvisato ,
si risolse di non farne altro. Io ho poi tar-
dato a rescrivergli fino al mese di decem-
bre passato ; perchè la salute non me lo
permise prima , ed anco perchè ho aspet-
tato di trovar occasione d’ inviargli per la
via di Genova il mio libro do Gnomone
Bononiensi , di cui mostrava curiosità, e
spero che gli pervenga ben tosto. Voi ora
mi parlate d’un altro astronomo di Tolosa ,
11 cui norae non so se io abbia saputo leg-
ger bene per Garipuy. Se egli, con qua-,
To: XI. & lun-
loading ...