Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 158
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0166
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0166
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ì58 Lettere

mani manderò a lei lepoesie, che mi of*
dinaste di darle , e potete immaginarvi se
le farà copiar prontamente. II grand’Eusta-
chio è ora in Bologna, e mi ha comanda-
to di salutarvi. Tra poco dee però ritorna*
re a Ravenna, e di Ià passare a Roma. Que-
sto gli può essere di grand’utile, e gli è
ancora d’onore , ma di tant’utile non ab-
bisogna, e circa l’onore ne ha tanto che
ne porria dare a qualunque, e però mi pa-
re che assai meglio facesse se qui restasse
e co’suoi libri e con noi, senza faticarsi
tanto, e senza esporsi a quei tanti perico-
li, che in viaggiando s’incontrano. Messer
Alessandro Fabri senza hne vi si raccoman-
da, e lo stesso fa lo schifosetto e rabbio-
setto Vicini, e il fa ancora Eustachio mio.
Conservatemi sempre l’atnor vostro , che al
mio non potrà togliervi mai cosa alcuna»
Addio. State sano.
loading ...