Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 169
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0177
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0177
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ItfEniTEr 1S9

questa maledizione cbiunque il sollecitassa
aritornare. Qui s'èsparsa voce, che il Pa-
pa gli abbia conferita la carica, che tenea
monsig. Riviera, cioè segretario della Con-
gregazione dell’ acque . La si tiene però per
unaciancia, e se n’ha più d’una ragione ;
tuttavia Bologna è sì sgraziata, e lo son io,
che potrebbe esser vero. Questo mi sareb-
be un colpo mortalissimo, e credo che in
un giorno mi farebbe diventar vecchio pey
piu di dieci anni. La nostra inclita Bassi
vi si raccomanda, ed anche a miofratello.
Io sono s|ato questa mattina a trovarla ; per-
chè così mi avea fatto richiedere. L’hotro-
vata in letto con mio gran dispiacere gra-
vemente offesa da una slussione nell’occhio
destro, che non le permette di sostenere
qualunque piccol raggio diluce, e Dio vo-
glia ehe le ardenti faville, ch’escono da'
miei begli occhi non le abbiano pregiudi-
cato . Io per non offenderla li tenea chiu-
si quanto potea. Avrete già saputo che il
cardinale di Polignac le mandò una bellis-
sima scatola d’oro. Bisognerebbe che così
tutti i cardinali facessero. Hanno pur tro-
vato le lettere maniera di esser premiate *
loading ...