Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 178
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0186
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0186
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
178 L E T T E R E

in tenipo niuno , scrivete aVenezia, come
solete ora ,* che qui vi sarà chi le riscuota
per mandarmele ovunque io mi sia per es-
sere . Con questa mia voi riceverete una
lettera, la quale priegovi far avere al vostro
frate a Russo ; il quale non so se ne ab-
bia ricevuto un’altra, che io gli scrissi la
settimana scorsa ; perchè saria bene, che
voi, sig. Giampietro , faceste diligenza al-
la posta per vedere s’ elia v’ è ; e se y’è,
che gliele mandaste insieme conquesta. Io
ho scritto oggi sono otto giorni al divino
Manfredi a Roma, e a quest’ora cred’io
avrà avuta la mia ; se voi gli scrivete ac-
comandate me a lui in quel modo , che
la divina Bergalli si accomanda a voi, che
vale a dire senza fme. Voi raccomandate-
mi a voi stesso per sì fatto modo, che nè
diversità di luogo, nè lunghezza di tempo,
od altra cosa debba farvi scordare di me,
e di adoperarmi alcuna volta in servigio vo-
stro , e di credermi per sempre tutto vo-
stro .

Mandatemi pure l’ordinario venturo quat-
tro copie delle Rime Manfrediane ; sì vera-
mente che me ne scriviate il prezzo acciò
che io possa soddisfaryi. Addio.
loading ...