Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 181
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0189
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0189
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 181

ma non lo può esser tanto che all’avida
brama ch’ io ho di rivederlo, non sembri
lungo, e non riesca rincrescevole . Io scri-
vo dalle acque con donne e ragazzi attor-
no, e però non so che iniscriva. Y’hala
signora Nina ancora, che con tutti gli al-
tri vi saluta . La inclusa canzonetta è del
dottore Giuseppino, e voi vedrete che el-
la è buona assai, e se tale non vi sembre-
rà, io conoscerò di aver mal giudicato . Per
ordine suo ve la mando. Oh se qui foste,
quante cose avrei da dirvi ! Yoi molte an-
cora da dire a me. Della Bergalli non ho
nuova alcuna, e sinchè ncn siete in Vine-
gia non ispero di averne. Della Bassi vi di-
rò ch’ella sta e che stiamo insieme facen-
do un’egloga per certi sposi. Yoi ne avre-
te poi copia a suo tempo. Feci ultimamen-
te un sonetto per un gonfaloniero, ed è
questo :

,Voi, che a spuntar dal vo.stro speco ombroso ,
Settembre e Ottobre, omai V alì movete,
Per cui bioncleggian V uve, e ilpolveroso
<$’ appresta aratro, onde alfin poi si miete ;

M 5

Si
loading ...