Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 193
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0201
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0201
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E. »

XII.

i 90

Bologna 25. ottobre ìySa»

10 non veggo più vostre lettere, ma per-
chè ciò estimo derivare non dali’amor yo-
stro, ma da qualche faccenda , che voi v’
ahbiate , non me, ne dolgo. Ho poi spessis-
simo nuove di voi da mio fratello, e que-
sto mi consola almeno in questa parte che
so che voi state bene e alle^ramente. Dio
così voglia che stiate sempre , e sempre an-
cora, quanto potete, mi amiate . Yoi non sie-
te voluto entrar nel poema di Bertoldo; cre-
dete che tutti 11’hanno dispiacere, e n’han
ragione; io non dico di averne quanto gli
altri; perchà’^Tnandovi più d’ogni altro , m’è
earo più l’agio vostro che la ecceìlenza di
quel poema. Non è ciò però ancor dispe-
rato, e un canto vi resta, che a nessuno
si commetterà, hnchè resta un’ombra di
speranza, che voi accettiate di farlo. Se al-
la Bergalii non avete ancora parlato, non
&e parìate più . Se poi parlato aveste , ©
To: XL N detto
loading ...