Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 199
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0207
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0207
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D X T E . I99

Toluto scriverle, se voi prima non mi ave-
ste detto di dover così fare ; e sì vi scris-
si, se vi ricorda : ma voi di ciò nonm’ave-
te risposto nulla. Ora ditemi ciò che vole-
te, che io faccia , ed io il farò prontamen-
te. Ma quali grazie non deb.bo io render-
vi del vostro così leggiadro e maestoso in-
sieme, e bel sonetto per questo ambascia-
tore? il quale se voi dite nato a dispetto
yostro, io non so qual cosa poi vi direte
nata colla buona licenza vostra. Es;li si sa-
rà certamente delle più belle cose, che com-
porranno questa raccolta; la quale, per quan-
to io odo, sarà delle migliori, e lo sareb-
be, ancorchè altro non vifosse, che il so-
netto vostro e queilo di vostro fratello . Ma
per passare dalle belle e leggiadre cose,
alle brutte e difformi priegovi dirmi, che
cosa sia avvenuto della mia canzone per lo
signor conte Carrara? se egli l’abbia da voi
avuta o no? e infine che sarà di cotesta
raccolta, che io credo sarà piìi mostruosa,
e più smisurata cosa delle decisioni della
B.ota romana? La nuova, che voi m’avete
dato della pazzia d’Ignazio mi ha non po-
co contristato ì’animo, benchè egli per av-
. N 4 vei1'
loading ...