Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 202
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0210
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0210
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
203

L E T T

E R E,

xiy.

Bologna 11. novemhre iy3z*

Vl scriverò brevemente, perchè ho poco
tempo ; voi rispondeteini lungamente, se
tempoavete, nè dovete vendicarvi con una
pena, la quale hnalinente di troppo ecce-
de la colpa mia, se pure è colpa il non
annojarvi soverchiamente . Io questa sera vi
mando per la posta la raccoltina Marescot-
ti, ove veclrete l’egloga fatta dalla Bassi e
da me . Circa il canto di Bertoldo io più
non ve neparlo, e vi prego ancora a non
parlarne alla Bergalli, non volendo più star
sospeso chi ordina il libro ; ma diciò, che
mi scrivete, e di ciò, che a lei non iscri-
veste, io vi sono nello stesso modo tenu-
to, come vi sarei stato in qualunque aitra
maniera. Mi dispiace moltissimo la vostra
melanconia ; ma perchè non tornate voi a
Bologna ; da che qui non avevrate, la Dio
mercè, sì fatto male? Se vel cagiona la pa-
tria vostra, da lei fuggite : patria hnalmen-

te
loading ...