Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 204
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0212
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0212
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
20/j. L E T T E R E

sì non m’occorre o tenere il partito de’pit-
tori o quello di Fabri, ma solamente stare
avedere, eandare a seconda dell’acqua. I
miei tutti di casa vi riveriscono, e le per-
sone acquose sono venute all’asciutto, e pe-
rò ancora la signora Nina , cui certo pia-
cerebbe più un poco di umidità cbe altro.
A lei questa sera recherò i vostri saluti .
Io sto lavorando nel canto di Bertoldo, e
presto l’avrò fìnito, e circa la tragedia, la
lascio ora in riposo. Pucordatevi di me,
amatemi e scrivetemi, ma sopra ogni altra
cosa siate diligentissimo nel conservarvi sa-
no e giocondo. Io sono.

II cavaliere Carrara mi ringraziò, e m’iin-
pose di ringraziarvi a suo nome , e disse
che niuna cosa vostra ayea avuta mai per
la sua raccolta.
loading ...