Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 219
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0227
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0227
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S B I T E .

I 3KT E B I T E . 219

cliìni e Sampieri intorno a' bei quadri che
possiedono . De’Zanchini vorrei la copia del-
la Carità di s. E.occo di Annibale fatta in.
rame da Guido e celebrata come sapete
dal Malvasia .

Io so che avevano per questo quadro pre-
tensioni altissime. Voi fate, sig. Gìampie-
tro, colla desterità vostra senza nominar chi
lo comprerebbe, ma ofserendo loro danaro
contante, che è il principale, che si pos-
sa con cotesti signori venire a parlainento
e a conclusione. De’Sampieri vorrei i tre
Caracci, il ballo de’ puttini in rame dell’
Albani, e il bel Guido che hanno , che par-
mi sia le lagrime di san Pietro, o san Pie-
tro e san Paolo . In somma vi ha un san Pie-
tro nel quadro, egli è di Guido, arcibel-
lissimo, e non vi può esser dubbio alcuno
di quale io intenda parìare. Non so se fos-
se megìio, caro sig. Giampietro, che non
parlaste voi, ma faceste parlare una terza
persona che voi istruiste . II pericolo sareb-
be, che parlando voi stesso , e sapendo
tutta Bologna ia stretta amicizia che con
tutta la vostra casa mi stringe e lega, al-
tri per avventura non credesse, che la com«

nu$“
loading ...